MADDALONI- Stato di agitazione, sciopero, stato di insoddisfazione e trattativa ad oltranza. Di tutto un pò. C’è una unica certezza: l’insoddisfazione degli operatori ecologici non finisce mai. I bisogni del personale e gli orientamenti dell’azienda non riescono ad incontrarsi. Dopo le trattative di aprile ci riproveranno domani: e così lo sciopero proclamato, poi rinviato e infine decretato per oggi 3 maggio è stato sventato, in parte o in tutto, con un supplemento di incontro e confronto che si dovrebbe tenere domani. Insomma, dovrebbe essere la volta giusta affinché le parti, dopo la formale apertura della Buttol, possano addivenire all’accordo finale. Salvo soprese dell’ultimo minuto staremo a vedere. Il tempo è scaduto. Bisogna pazientare ancora 24 ore, per scoprire se e come, riusciranno a siglare l’intesa raggiunta tre settimane fa e mai ratificata.

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA