MADDALONI- Nuovo faccia a faccia tra Andrea De Filippo e l’ingegnere Maurizio Gentile. Presente anche l’on. Antonio Del Monaco (M5S). Inedita e risolutiva giornata romana di lavoro tra il sindaco e l’ex amministratore delegato di Rete ferroviaria italiana (Rfi): poste le basi  per un nuovo «accordo tecnico e finanziario su tutte le opere sostitutive» e compensative che Rfi, in aggiunta a quelle previste per la soppressione integrale  di ben otto passaggi a livello lungo la tratta urbana della linea Caserta-Cancello-Napoli, concederà al comune.

Sindaco si verso una nuova convenzione con Rfi. E su che basi?

Dopo l’accordo, ormai approdato alla fase progettuale esecutiva sull’ ammodernamento infrastrutturale dei binari e la creazione di un sistema di viabilità alternativa, sono maturate nuove condizioni collegate ai cantieri operativi sul nostro territorio e ai disagi creati.

Stiamo parlando di nuovi ristori. Quali per la precisione?

L’intesa con i vertici di Rfi è ampia. Adesso, vanno trasformate in nuovi accordi esecutivi. Su tutti c’è l’intesa per l’adeguamento e ammodernamento della statale Appia interessata dallo scavo della trincea ferroviaria e dalla costruzione di un ponte di oltre 600 metri. Nell’ambito di questo progetto è stata formulata la richiesta, ritenuta ragionevole e fondata, di riqualificare e rifare l’intera statale.

In concreto di che si tratta?

Dalla confluenza con la statale 265 (località Giardinetti) al bivio per Cervino abbiamo chiesto il rifacimento della sede stradale e l’adeguamento non solo della pavimentazione ma anche dei servizi laterali e delle immissioni a raso.

Ma verranno costruite nuove strade temporanee per aggirare l’Appia, c’è qualche richiesta?

Le vecchie strade di campagna di collegamento al camposanto diventeranno più larghe dell’Appia attuale.  Abbiamo chieste e ottenuto da Rfi che entrino nel futuro stradario comunale anche le grandi bretelle laterali (larghe 14 metri) costruite per la deviazione delle auto, provenienti Benevento dirette a Caserta e viceversa. Durante tutta la durata dei lavori di interramento, i veicoli, percorrendo ambo i sensi di marcia dovranno uscire dall’Appia, aggirare gli insediamenti abitativi, percorrere l’attuale via Carmignano per poi ritornare sullo svincolo in località Giardinetti. Il forte disagio di oggi è un importante investimento per il futuro prossimo. Poi diventeranno strade comunali ordinarie.

E la richiesta di rifare via Cornato?

E’ stata accolta ed è stata inserita nei progetti collegati ala soppressione dei passaggi a livello. La strada si aggiunge alla «tangenziale esterna che collegherà l’area Sanit-Gobain di Caserta con via de Curtiis e il futuro casello sull’A30», il collegamento tra via Appia, con via degli Osci e la centralissima via Libertà. In più, sarà realizzato il collegamento tra via Napoli e via Carrarone.

Tutto questo deve essere ulteriormente sancito da un nuovo accordo?

Tutto questo è già, in parte, inserito nella prima convenzione sottoscritta. Nella nuova che sottoscriveremo inseriremo le opere non previste come la riqualificazione dell’Appia, dell’area ex Lazzeretto e la viabilità nonché i parcheggi di accesso al cimitero.

on. Antonio Del Monaco con il sindaco Andrea De Filippo
Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA