Una grande cerimonia, floreale e musicale, per promuovere un messaggio di rinascita e di ripartenza: sono state le ragazze della Nazionale femminile giapponese di calcio le prime tedofore, gli eroi sportivi più venerati nella recente storia giapponese

È partito questa notte il grande tour della torcia olimpica in Giappone in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo. La prefettura di Fukushima è stata il luogo perfetto per far iniziare il viaggio della fiaccola. L’area è stata devastata dal grande terremoto del marzo 2011 e gli effetti del conseguente tsunami e del disastro nucleare si fanno sentire ancora oggi. La città è però diventata un simbolo di difficoltà e resilienza. Di tragedia e trionfo. Il Presidente del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020, Seiko Hashimoto, ha sottolineato l’importanza della coincidenza. “Il fatto che questi Giochi siano stati rinviati e, di conseguenza, si siano sovrapposti al decimo anniversario del terremoto è un grande segnale. Non potrei essere più grato“. 

POTREBBE INTERESSARTI Scherma, Coppa del Mondo: l’Italia di spada maschile vince a Kazan

Sono state le ragazze della Nazionale femminile giapponese di calcio le prime tedofore. Iwashimizu e le altre 14 giocatrici, gli eroi sportivi più venerati nella recente storia giapponese, sono arrivati ​​davanti al palco con tute bianche, cinturini rossi striati sul davanti. Erano pronti a ispirare di nuovo la nazione come avevano fatto in dieci prima quando, attraverso i calci di rigore, hanno trionfato sulle campionesse del mondo degli USA, nella finale della Coppa del Mondo femminile.

Iwashimizu – che ha vinto anche una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra 2012 – ha preso la fiamma per prima. Poi è stata seguita dalle compagne e dall’allenatore Sasaki, nei campi del J-Village e poi nelle strade che circondano il centro. Nei prossimi giorni la fiamma passerà attraverso 10.000 mani in una staffetta il cui tema è, giustamente visti i tempi, le pandemie e le difficoltà in tutto il mondo. Domenica arriverà a Tochigi e successivamente a Gunma il 30 marzo. Attraverserà 47 Prefetture e 859 Comuni, portando la speranza di nuova vita e primavera nel bagliore di questa fiamma più antica, particolarmente resistente allo spegnimento. “Hope lights your way“: i Giochi sono all’orizzonte.

PER TUTTE LE NOTIZIE DI GIORNALENEWS CLICCA QUI

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA