Tappa di Coppa del Mondo di biathlon e snowboardcross: Hofer vince dopo sette anni, Moioli 2ª a Veysonnaz e nella classifica finale SBX

A distanza di oltre sette anni dal primo successo individuale della carriera, ottenuto nella sprint di Anterselva, Lukas Hofer coglie un’altra straordinaria vittoria nella sprint maschile di Oestersund che ha aperto la tappa finale di Coppa del Mondo di biathlon. E lo fa in una giornata di straordinaria vena sia al poligono di tiro dove è stato impeccabile, sia sugli sci stretti, con un ritmo eccellente grazie al quale ha tenuto a bada un altrettanto positivo Sebastian Samuelsson, alla fine staccato di 4″, mentre al terzo posto si è piazzato Tarjei Boe a 14″4.

Per comprendere la portata dell’impresa realizzata da Hofer, si tenga conto che i due contendenti per la classifica generale Johannes Boe e Stura Laegreid sono stati relegati rispettivamente al settimo e sesto posto, a oltre 30″ dal vincitore. Mentre i francesi Sebastien Desthieux e Quentin Fillon Maillet si sono classificati quarto e quinto. Discreta anche la prestazione di Dominik Windisch, ventisettesimo con un errore commesso al primo colpo a terra; Thomas Bormolini si è piazzato 46simo con due errori; Tommaso Giacomel 55simo con tre errori e Didier Bionaz 82simo con tre errori.

POTREBBE INTERESSARTI: De Luca: “In Campania situazione seria, a Pasqua rischio nuovo aumento di contagi”

SNOWBOARDCROSS, SUCCESSO PER MARCH

Michela Moioli ha chiuso al secondo posto l’ultima tappa di Coppa del Mondo di snowboardcross disputata a Veysonnaz (Svizzera). L’azzurra ha chiuso la gara dietro a Eva Smakova: l’atleta della Repubblica Ceca, oltre alla gara, ha vinto anche la Coppa di specialità con 450 punti, sempre davanti all’olimpionica, seconda a 430. Nell’appuntamento odierno terzo posto per la britannica Charlotte Bankes

Aaron March ha invece vinto il PSL a Berchtesghaden, conquistando la Coppa di parallelo e quella di PSL. Un doppio colpo storico, che arriva per March dopo una lunga carriera costellata da 15 podi e 3 vittorie in Coppa del mondo e dalla Coppa di PSL già conquistata nel 2017. March prende così l’eredità del suo capitano di lungo corso, Roland Fischnaller, che proprio lo scorso anno aveva trionfato nella Coppa di parallelo e in quella di PGS.
Nella gara odierna, March ha battuto in finale l’austriaco Alexander Payer, mentre nella finalina, l’altro austriaco Arvid Auner ha regolato l’azzurro Edwin Coratti, che chiude al quarto posto. Mirko Felicetti è quinto, Roland Fischnaller ottavo a testimonianza di una Grande Italia nello snowboard alpino. Nella classifica di parallelo, March chiude con 424 punti, contro i 339 dell’austriaco Andreas Promegger e i 333 del russo Dmitry Loginov. In quella di PSL, l’azzurro si impone con 258 punti contro i 191 di Loginov e i 187 di Karlagachev.

La gara femminile vede la vittoria della svizzera Julie Zogg, davanti alle tedesche Selina Joerg e Carolin Langenhorst. La migliore azzurra è Nadya Ochner 29ª. La Zogg si aggiudica la Coppa di PSL, mentre la Coppa di parallelo va alla tedesca Ramona Hofmeister.

Fonte: Ufficio Stampa Coni

PER TUTTE LE NOTIZIE DI GIORNALENEWS CLICCA QUI

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA