L’Italscherma conquista il primo podio del 2021, sei invece i podi nel karate. Ottavo podio stagionale per l’Italia nella Coppa del mondo di biathlon

Nella tappa di Coppa del Mondo di sciabola femminile e maschile, la formazione azzurra guidata dal CT Giovanni Sirovich e composta da Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Martina Criscio e Michela Battiston, è stata fermata solo in finale dalla stoccata decisiva del 45-44 contro la Polonia.

Il cammino del quartetto azzurro era iniziato agli ottavi di finale con la vittoria contro l’Azerbaijan con il netto punteggio di 45-26. Successivamente le quattro sciabolatrici italiane avevano affrontato e superato le padrone di casa dell’Ungheria, protagoniste assolute della gara individuale di ieri, con lo score di 45-39. In semifinale era giunta poi la sfida contro la Francia, conclusa con il punteggio di 45-43 al termine di una lunga rimonta delle azzurre. Grazie al secondo posto ottenuto sulle pedane magiare, l’Italia conclude la fase di qualificazione da numero 2 del ranking mondiale. Nella gara a squadre di sciabola maschile, invece, l’Italia conclude al settimo posto.

POTREBBE INTERESSARTI: FOTO – Campania zona rossa, Maddaloni zona… a piacere

KARATE, PRIMO POSTO PER BUSÀ E SEMERARO

La Karate 1 Premier League di Istanbul, la prima del 2021, ha regalato grandi risultati alla nazionale azzurra. Due primi posti – con Luigi Busà e Silvia Semeraro – e 4 terzi posti, con Michele Martina e Clio Ferracuti nel kumite e Carola Casale e Terryana D’Onofrio nel kata femminile. Il capitano azzurro Luigi Busà, tra i più grandi al mondo nei -75kg, ha sfidato e battuto in finale l’uzbeko Dastonbek Otabolaev. Silvia Semeraro, invece, ha vinto nella categoria -68kg senza combattere, perché l’egiziana Feryal Abdelaziz non si è potuta presentare sul tatami a causa di un infortunio.

POTREBBE INTERESSARTI: Napoli, squillo Champions: a San Siro gli azzurri vincono 1-0

BIATHLON, STAFFETTA SECONDA A NOVE MESTO

Arriva l’ottavo podio stagionale per l’Italia nella Coppa del mondo di biathlon sulla pista ceca di Nove Mesto, che questa settimana ha visto gli azzurri arrivare per ben tre volte nelle prime tre posizioni. Il merito è della staffetta mista composta da Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Dominik Windisch e Lukas Hofer. Un quartetto omogeneo e ben distribuito, capace di salire sul podio in questo format di competizioni almeno una volta a stagione dal 2015/16 in avanti.

Stavolta la squadra ha chiuso al secondo posto, con una prova solida in una giornata difficile da gestire a causa delle condizioni del vento mutevole, gestite con dieci ricariche e nessun giro di penalità. Ancora meglio ha fatto l’imbattibile Norvegia con Tiril Eckhoff, Marie Olsbu Roeiseland, Tarjei Boe e Johannes Boe. La Svezia con Elvira Oeberg, Anna Magnusson, Jesper Nelin e Martin Ponsiluoma ha finito al terzo posto a 1’22″7. Fra le sconfitte di giornata la Francia, quarta al traguardo, e la Russia, addirittura settima con tre giri di penalità.

PER TUTTE LE NOTIZIE DI GIORNALENEWS CLICCA QUI

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA