Le parole del tecnico dopo la sconfitta al Diego Armando Maradona per 2-1 contro lo Spezia

Una partita già vista e rivista: il Napoli crea, spreca, va addirittura in superiorità numerica sull’1-1 ma esce sconfitto nella gara contro uno Spezia che veniva da 3 sconfitte consecutive. Un k.o. doloroso che continua a ridimensionare le ambizioni della squadra di Gattuso, che ora vede allontanare le prime posizioni. E il quarto posto diventa ambitissimo. “Non so se è una questione di cattiveria sotto porta, ma è difficile parlare oggi”. Comincia così il post match di Rino Gattuso. “Il problema è capire perché succedono queste cose. È da tempo che ci portiamo dietro questo problema, perdiamo la testa in certe occasioni, alle prime difficoltà commettiamo degli errori. Poi la qualità c’è, le occasioni si creano ma serve stare sul pezzo. Forse sono io a non essere abbastanza bravo nel non far capire che serve veemenza quando si conclude.

Serie A, Napoli sconfitto dallo Spezia: i liguri vincono in rimonta e in 10!

Diventiamo nervosi quando commettiamo il primo errore, stiamo buttando troppe partite. Le colpe vanno suddivise. Ora però occorre cancellare la sconfitta, già pensiamo tanto perché facciamo un gioco difficile da proporre, se pensiamo anche ai problemi diventiamo matti. Vorrei solo vedere una squadra più tranquilla, spesso diventiamo schizofrenici. Dobbiamo accettare che si può prendere gol, anche con lo Spezia, poi c’è tempo per recuperare. Però non bisogna prendere gol. Invece al primo errore pensiamo a tutto quello che abbiamo sbagliato invece di giocare e battagliare. Oggi comunque non c’è stata partita, lo Spezia ha giocato la peggiore partita in campionato secondo me”.

PER TUTTE LE NOTIZIE DI GIORNALENEWS CLICCA QUI

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA