Le definizioni si sprecano ed è certo che questo 27 dicembre resterà una data storica. Forse la più grande vaccinazione di massa, la luce in fondo al tunnel nella battaglia contro il COVID 19. Anche in Italia sono giunte le prime dosi e l’arrivo dei camion che trasportano le prime dosi di vaccino sono state accolte come nuova cometa in questo Natale dal sapore diverso tra restrizioni ed affetti lontani. Da ogni regione d’Italia arrivano, in questa ultima domenica del 2020, foto e testimonianze delle prime persone che si sono sottoposte al vaccino, per la maggior parte tutti medici, infermieri ed operatori sanitari, quelli che da mesi definiamo autentici eroi, i combattenti in prima linea contro un virus che portato morte e disperazione anche e soprattutto in corsia. Poco dopo le 14 anche il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha postato, attraverso i suoi canali social ufficiali, la foto della vaccinazione ricevuta presso l’Ospedale Cotugno di Napoli.

Un’operazione avvenuta senza passerella davanti le telecamere ma è bastato lo scatto social a far scatenare polemiche sugli svariati fronti della politica. Pare, infatti, che il Presidente De Luca non fosse in lista per questo primo turno di vaccinazioni che simbolicamente ma soprattutto materialmente è destinato solo personale sanitario. Il Governatore della Regione Campania si sarebbe presentato all’ultimo momento ricevendo una delle 720 dosi del vaccino Pfizer giunte in Campania. “Mi sono vaccinato. Dobbiamo farlo tutti nelle prossime settimane. È importante per vincere la battaglia contro il COVID-19, e tornare alla vita normale. Senza abbassare la guardia e rispettando le norme”. Questo il messaggio sulle pagine social dello “sceriffo” che accompagnano la foto che sancisce la vaccinazione. È bastato davvero poco perché il V-Day conoscesse subito la prima polemica. Tra le prime reazioni quelle del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, del leader della Lega Matteo Salvini e del coordinatore campano di Forza Italia, Fulvio Martusciello che definiscono quello del Presidente De Luca un gesto da “abuso di potere, senza rispetto e serietà in puro stile Marchese Del Grillo”.

Polemiche che si stanno intensificando attraverso Twitter, dichiarazioni alle agenzie e post social che vedono nella vaccinazione di Vincenzo De Luca quasi la riscossione di un privilegio che tra l’altro non è stato riservato a nessun politico: nessuno, visto che neanche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stato vaccinato. Le prime dosi, infatti, sono state somministrate al personale medico e sanitario degli ospedali di tutta Italia e anche ad alcune persone che rientrano tra le categorie a rischio, come gli ospiti delle case di riposo. Se il V-Day aveva bisogno di carne al fuoco, il Governatore De Luca ancora una volta ha saputo usare bene il suo ormai mitico lanciafiamme

Pubblicità
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VISUALIZZA