MADDALONI- Il torrente scorre rapido. Nonostante, un tempestivo intervento di tamponamento della perdita. La falla alle condotte è grossa. Una volta c’era “‘O ciummo e’ coppe” che, se non andiamo errati, alimentava anche il Mulino Ducale. Ma su Corso I Ottobre tempio del restayling urbano, sotto i basoli, si è formato anche un piccolo laghetto: la perdita è così forte ad alta pressione che c’è un accumulo di acqua anche al di sotto la sede stradale. Intanto, si lavora. Ma non basta perchè il danno è grave. Pertanto, la fuoriuscita dell’acqua non si ferma. Ebbene su Corso I Ottobre di falle, perdite, esplosioni e sprofondamenti se ne sono visti tanti. E altri c’è ne saranno. Ma mai un torrente d’ acqua senza soluzione di continuità. Si sente forte il rumore dell’acqua. Quello che non si ode, oltre alla lettura dei soliti copia e incolla compulsivi, è la voce degli amministratori, soprattutto di ieri e dell’altro ieri. Nessuno osa commentare il disastro di Corso I Ottobre che ha conosciuto perdite di acqua negli ultimi 15 anni (dopo il lavori di ristrutturazione) come mai nel precedente secolo di vita. E’ lo strano caso delle perdita delle memoria recente in una città dove è prassi consolidata l’apologia della storia, elevata a mito, trasformata in rito e in kermesse anche folclorica. Appena in tempo perchè questa perdita così copiosa e ad alta pressione avrebbe davvero potuto provocare danni seri.

La falla su Corso I Ottobre
error: Non si copia!!!
GiornaleNews App

GRATIS
VIEW