Il muro di Trento. Galbiati

Il muro di Trento. Galbiati

‘); }

trento-galatasaray 3-0 (25-15, 25-15, 25-20) — Mezza Coppa Cev, l’unico trofeo che manca nel palmares dolomitico, è in bacheca per la Trentino Itas. La squadra di Angelo Lorenzetti si porta a casa, in tre set, la finale d’andata della seconda coppa europea per club dopo aver regolato fra le mura amiche della Blm Group Arena i turchi del Galatasaray. Una partita che la squadra dolomitica ha interpretato nel modo giusto, riuscendo a restare sempre davanti ai giallorossi di Istanbul dove martedì prossimo (ore 18 italiane) andrà in scena la finalissima di ritorno e basterà vincere due set per alzare la coppa. Un sontuoso Simone Giannelli, sia per la regia sia per i punti messi a segno fra ace e muri, ha guidato i suoi superiori praticamente in ogni fondamentale. A cominciare dall’efficienza in attacco e battuta. Ed ora in casa Itas per una settimana il leit motiv sarà “non come a Tours”, dove due anni fa i trentini persero la finale di Cev contro i francesi dopo aver vinto in tre parziali la gara d’andata. In avvio i sestetti sono quelli attesi alla vigilia, con Lisinac ancora a riposo e Codarin titolare (terzo centrale in panchina è il giovane trentino Francesco Simoni, che farà anche il suo esordio assoluto in prima squadra sul finire del match). Mentre nelle fila giallorosse turche ci sono regolarmente lo spauracchio Venno opposto e l’ex di turno, Oleg Antonov, in posto-4 mentre in una Blm Group Arena non esaurita si sentono anche alcune decine di tifosi turchi.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

dominio — A rompere l’equilibrio è il turno al servizio di Simone Giannelli, che dal 6-4 porta il punteggio sul 10-4. La fase break trentina continua a spingere, i muri di Candellaro e Codarin portano l’Itas avanti 14-8, ma la differenza in break point è notevole. Il cambio-palla trentino viaggia molto regolare, Kovacevic mette a terra il pallonetto del 18-10, un margine che nel finale la squadra di Lorenzetti riesce ad incrementare nuovamente (22-11) grazie ad un nuovo, proficuo, turno in battuta di Simone Giannelli. Ipotecato il primo parziale, nel secondo set c’è ancora in calce la firma del palleggiatore della nazionale. Due muri di fila di Giannelli e break subito sul 4-2, il Galatasaray non è esente da errori (11-7) ma quando Giannelli cerca con continuità anche Russell allora il vantaggio trentino resta bello solido (16-12). Quando ancora lo schiacciatore americano mette a terra il 19-14 la panchina turca si gioca il proprio ultimo time-out a disposizione, il Galatasaray concede qualcosa e quando Russell realizza l’ace del 22-15 allora la tavola è apparecchiata per il 2-0 trentino. È partenza sparata per la Trentino Itas anche nel terzo parziale (5-2 con muro di Giannelli), quando poi l’ace di Vettori fa segnare sul tabellone 10-6 per i padroni di casa allora i turchi fermano tutto. Ma l’Itas mantiene solido il cambio-palla ed efficace la fase break (15-8), mentre dai nove metri i turchi non riescono mai davvero a pungere. Il vantaggio dei padroni di casa (21-15 attacco di Kovacevic) diventa sufficiente per gestire la parte finale di questa gara e pensare, ora, all’anticipo di sabato sera contro Monza e poi al ritorno di martedì prossimo ad Istanbul.


 Nicola Baldo 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it