Dries Mertens, 31 anni. Getty

Dries Mertens, 31 anni. Getty

‘); }

Il digiuno dal gol non ha tolto il sorriso a Dries Mertens, che nel 2019 deve ancora andare a segno. Lo si capisce dalla serenità che traspare dalle sue parole a Kiss Kiss Napoli: “Sto bene. Sento la mancanza del gol ma non nasco come attaccante e bomber, per me è sempre stato più importante l’assist e giocare per la squadra. Non sono come Milik che ha fame di fare gol”, ha scherzato il belga.

CRESCIUTI — Avrà tempo e modo per tornare protagonista Mertens, magari in Europa League: unico obiettivo ormai della stagione azzurra. “Con l’Arsenal sarà difficile, ma se non vinci queste gare non vinci l’Europa League. Siamo andati a Salisburgo e non abbiamo mostrato il nostro gioco ma abbiamo passato il turno. Ora guardiamo ai Gunners, rispetto al precedente in Champions siamo cresciuti”.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

APPUNTAMENTO A BAKU — Mertens ha elogiato Ruiz, fresco di convocazione nella nazionale spagnola, e Insigne, che cercherà di recuperare prima del previsto (”abbiamo bisogno di lui”, ha detto Dries). Domani ci sarà l’Udinese, poi la sosta. Mertens non abbassa la guardia: “Ancelotti oggi ci ha detto che abbiamo fatto troppi pari. Domani è una partita importante”. Lo sarebbe di più arrivare alla finale europea: “A Baku non ci sono mai stato, speriamo di andarci molto presto. Meglio per la finale, ci altrimenti andrò in vacanza”.

 Gianluca Monti 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it