ROMA – Il Cies ha pubblicato i risultati di un’analisi statistica sul prezzo dei calciatori. Sono stati presi in esame vari parametri per la valutazione (aggiornata mensilmente), dall’età alla nazionalità, al rendimento sino alla situazione contrattuale (se in prestito o di proprietà del club per cui gioca).

Crolla il prezzo del centrocampista biancoceleste Milinkovic-Savic: il presidente della Lazio, Lotito, ha riferito nel recente passato di aver respinto un’offerta per il serbo da 160 milioni di euro. Per il Cies ora vale 47 milioni: a maggio, prima dei Mondiali russi, era a 75,4 milioni. Non è però l’unico big ad aver visto calare vertiginosamente il proprio valore di mercato: quello d’Icardi per esempio, a digiuno di gol, scende di ben 18,9 milioni rispetto a febbraio dello scorso anno quando il numero nove nerazzurro costava 108,4 milioni (ora 89,5). Non sorridono nemmeno a Napoli: Dries Mertens, autore di 28 gol con il Napoli di Sarri nel 2017, valeva 87 milioni un anno fa, adesso poco più della metà (45, 2 milioni). Aumenta il prezzo degli juventini Dybala (da 161 milioni a 165,8) e Ronaldo (da 78.6 a 127), del baby fenomeno rossonero Donnarumma: il portiere passa da 48,8 milioni a 59,5. Clamoroso il salto di Zaniolo passato alla Roma nell’operazione Nainggolan: un anno fa in nerazzurro era quotato 3,5 milioni di euro, oggi è giunto fino a 20. In crescita anche Federico Chiesa della Fiorentina (passato da 52 a 71 milioni), Barella del Cagliari (da 13 a 23 milioni) e gli altri giovani milanisti Cutrone (da 8,8 a 51 milioni) e Romagnoli (da 24,8 a 39 milioni). Un anno nel calcio può cambiarti la vita, in positivo o negativo. Chiedete a Piatek, che ancora non l’ha nemmeno ultimato. E nel frattempo, è di poco fa la notizia bomba di calciomercato, che ha lasciato senza parole i tifosi dell’Inter >>> CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

‘); } Fonte: Gazzetta.it