Una rissa in campo in un campionato giovanile

Una rissa in campo in un campionato giovanile

‘); }

Ventiquattro giovani calciatori squalificati per un totale di 60 giornate di stop. E’ il maxi provvedimento preso dal giudice sportivo territoriale del Comitato regionale Toscana nei confronti di 12 ragazzi della società Casellina di Firenze e altrettanti della Fortis Juventus 1909 di Borgo San Lorenzo, colpevoli di «aver partecipato attivamente ad una rissa sul terreno di gioco». I fati sono relativi al match Casellina-Fortis Juventus 1909 di sabato scorso, gara valida per il campionato Juniores Under 19 regionale. L’incontro era stato sospeso dall’arbitro al 42’ del secondo tempo, quando la formazione ospite si trovava in vantaggio 1-0, a seguito di una rissa tra i componenti delle due squadre. Le squalifiche più pesanti (6 giornate) sono state inflitte a un calciatore del Casellina per aver colpito con un pugno al volto un avversario, e uno del Fortis Juventus 1909 per aver tirato un calcio alla testa a un avversario. Entrambe le società hanno avuto la partita persa a tavolino con il punteggio di 0-3, oltre a una multa di 200 euro.


 gasport 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it