Per una notte la Nba si è trasforma in un playground, con LeBron James e Giannis Antetokounmpo a dividersi l’arduo compito di scegliere i compagni e formare le squadre che si sfideranno nella notte di domenica 17 febbraio (alle 2 italiane) all’All Star Game di Charlotte. I due capitani si sono divisi i restanti 24 fenomeni nel primo draft trasmesso in diretta TV. Piccola consolazione per i tifosi dei Lakers: sul parquet dello Spectrum Center LBJ e Anthony Davis giocheranno finalmente assieme, dopo il fallimento della franchgia di Los Angeles di portare a casa il fenomeno dei Pelicans durante il mercato delle trade.

‘); }

lebron — Per il secondo anno consecutivo LeBron James, il giocatore che ha ricevuto più preferenze in assoluto tra tifosi, media e gli stessi atleti Nba, guiderà la sua squadra nella partita delle stelle. Come nella scorsa edizione la sua prima scelta è caduta su Kevin Durant, il fenomeno dei Golden State Warriors che con LBJ comporrà la coppia delle meraviglie, la stessa che in tanti sognano di vedere ai Lakers della prossima stagione, dopo l’estate da free agent di KD. Nel ruolo di point guard ci sarà, invece, Kyrie Irving: il leader dei Celtics col quale LBJ ha da poco fatto pace, dopo gli attriti della convivenza dei due ai Cavaliers. Una reunion interessante, dunque, come quella tra LeBron e l’amico fraterno Dwyane Wade che potranno portare la


I VIDEO DI GAZZETTA TV

stessa canotta per l’ultima volta in carriera. In quintetto ci saranno anche Kawhi Leonard e James Harden. Il momento più esilarante, però, è arrivato durante le scelte delle riserve: LeBron ha subito approfittato per accaparrarsi Anthony Davis, riuscendo in quello che i suoi Lakers non sono riusciti a fare ieri, nell’ultima giornata di mercato delle trade. Antetokounmpo, scherzando, ha protestato, accusando il Re di tampering, regola Nba che vieta a un tesserato di una franchigia di parlare in pubblico di qualcuno appartenente a un’altra. Ma non è servito a nulla: AD e King James, almeno per una notte, saranno compagni.

Team LeBron – Quintetto: LeBron James (Lakers), Kevin Durant (Warriors), Kyrie Irving (Celtics), Kawhi Leonard (Raptors), James Harden (Rockets). Riserve: Anthony Davis (Pelicans), LaMarcus Aldridge (Spurs), Bradley Beal (Wizards), Damian Lillard (Blazers), Ben Simmons (Sixers), Klay Thompson (Warriors), Karl Anthony Towns (Timberwolves), Dwyane Wade (Heat). Coach: Mike Malone (Nuggets)

giannis — Antetokounmpo è un uomo di parola. Pochi giorni fa aveva detto che, se avesse avuto la prima chiamata assoluta, l’avrebbe spesa per Stephen Curry, per restituire il favore fatto da Steph lo scorso anno quando la stella di Golden State era capitano. Detto, fatto. Giannis, dopo aver selezionato Curry, ha dato la sua preferenza a Joel Embiid, per creare una coppia di lunghi potenzialmente inarrestabile. A provare a reggere il confronto con l’armata di Team LeBron, ci penseranno Paul George e Kemba Walker, star degli Hornets e idolo di casa. Dalla panchina, invece, la squadra di The Greek Freak potrà contare su una lunga schiera di debuttanti, pronti a dare un importante contributo alla causa: D’Angelo Russell, Nikola Vucevic, Nikola Jokic e il compagno a Milwaukee Khris Middleton. A fare da maestro ci sarà la leggenda Dirk Nowitzki (anche lui, come Wade, “convocato d’onore” per la partita), oltre al 2 volte MVP della competizione Russell Westbrook, arrivato via trade (la prima nella storia dell’All Star Game) in cambio di Ben Simmons.

Giannis Antetokounmpo. AP

Giannis Antetokounmpo. AP

Team Giannis – Quintetto: Giannis Antetokounmpo (Bucks), Stephen Curry (Warriors), Joel Embiid (Sixers), Paul George (Thunder), Kemba Walker (Hornets). Riserve: Russell Westbrook (Thunder), Blake Griffin (Pistons), Nikola Jokic (Nuggets), Kyle Lowry (Raptors), Khris Middleton (Bucks), D’Angelo Russell (Nets), Nikola Vucevic (Magic), Dirk Nowtizki (Mavericks). Coach: Mike Budenholzer (Bucks)

 Andrea Grazioli 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it