Gonzalo Higuain è al bivio: dopodomani potrebbe prendersi la rivincita sull’ex squadra che lo ha cacciato (parole sue) dopo lo sbarco di Ronaldo e sollevare il primo trofeo con la maglia del Milan; ma l’agenda di mercato suggerisce che a rendere davvero felice l’argentino potrebbe essere un volo per l’Inghilterra, destinazione Chelsea. Higuain riabbraccerebbe con grande entusiasmo il maestro Sarri e la cosa non è un segreto, così come è arcinoto il pressing del tecnico toscano su Marina Granovskaia, braccio destro di Abramovich: Sarri, che davanti ai microfoni non perde occasione per ricordare i «vuoti» da colmare nella rosa dei Blues, sta facendo di tutto per convincere i vertici del club a investire sul suo pupillo.

‘); }

partite — La Juve, che puntava a un prestito con obbligo di riscatto in caso di qualificazione in Champions, ha aperto a una seconda ipotesi: prestito oneroso da 18 mesi che possa coprire una somma complessiva di 54 milioni di euro (27 di prestito per la metà di questa stagione e la prossima, più altri 27 per i 18 mesi di stipendio al lordo). Al momento, però, la Granovskaia non ha ancora formulato un’offerta che si avvicina alle richieste bianconere. Se Sarri riuscirà nel suo intento l’affare entrerà nel vivo. Il conto alla rovescia è scattato: oggi il capo dell’area sport juventina Fabio Paratici partirà per l’Arabia Saudita e il telefono resterà rigorosamente acceso in attesa della chiamata decisiva. Nel frattempo, il Milan si muove per non farsi trovare impreparato: continuano i contatti tra Leonardo e il Genoa per portare in rossonero Piatek in caso di addio a gennaio di Higuain.


SULLA GAZZETTA IN EDICOLA OGGI UNA DOPPIA PAGINA CON SCENARI E RETROSCENA

VIDEO CORRELATI

 Fallisi-Laudisa 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it