Da sinistra a destra: Chiesa (21), Piatek (23) e Ruiz (22)

Da sinistra a destra: Chiesa (21), Piatek (23) e Ruiz (22)

‘); }

Entra nel vivo “Giovani Promesse”, l’iniziativa promossa dalla Gazzetta dello Sport in collaborazione con Gillette volta alla scoperta e all’approfondimento dei migliori under 23 del campionato, italiani e stranieri. Alcuni sono già delle consolidate realtà della Serie A come Piatek, Chiesa, Ruiz, Cutrone, Donnarumma, solo per citare qualche nome, altri si stanno affacciando al grande pubblico grazie a ottime prestazioni nel torneo in corso, nomi come Zaniolo della Roma, Mancini dell’Atalanta, Lafont della Fiorentina o Traoré dell’Empoli sono già delle colonne portanti delle rispettive squadre. Altri ancora possono rientrare nella categoria “prospetti”, ragazzi molto giovani con ancora poco minutaggio in Serie A ma che possiedono le caratteristiche fisico-atletiche e tecnico-tattiche che fanno intravedere un futuro roseo. Parliamo per esempio del centrocampista inglese della Sampdoria Ronaldo Vieira (classe 1998), del difensore della Roma Luca Pellegrini(1999) o di Riccardo Sottil (1999), figlio dell’attuale tecnico del Catania Andrea, attaccante esterno della Fiorentina.

Torino-Fiorentina 0-2, Pioli: “Chiesa? Va a mille anche in allenamento”

numeri La grande iniziativa “Giovani Promesse” Gillette coinvolge anche la parte web della Gazzetta dello Sport, che oggi ha aperto una sezione dedicata in cui si possono già trovare alcuni profili approfonditi con curiosità, numeri e voci di mercato riguardanti i migliori calciatori under 23 della Serie A 2018-19 e che verrà alimentata quotidianamente per tutta la settimana in corso fino alla ripresa del campionato.


sondaggio — Ma non è finita qui, il sistema Gazzetta permette ai suoi lettori di diventare protagonisti attivi di questa iniziativa con l’apertura di un sondaggio dopo l’ultima partita di ogni turno di campionato, per chiedere ai lettori-utenti di votare chi è stato il miglior under 23 della giornata tra una rosa di tre candidati scelti dalla redazione. Il sondaggio sarà chiuso alle ore 14 del giorno successivo: sul sito Gazzetta.it ci sarà un pezzo celebrativo del vincitore, mentre sulla Gazzetta cartacea, una volta al mese, si farà il punto sui giovani che sono stati protagonisti nei quattro turni precedenti. Sul sito della Rosea, inoltre, i lettori troveranno una video intervista (con premiazione) a uno dei 4 vincitori del mese, scelto dai giornalisti della Gazzetta.

Piatek, il fiuto del gol: riguarda le sue perle

oggi in serie a — Lo spartiacque tra girone d’andata e di ritorno è il momento più giusto per tracciare un bilancio sui migliori under 23 della Serie A 2018-19. Il criterio principale è il fiore all’occhiello della Gazzetta dello Sport: il voto. Per poter stilare una classifica di rendimento il più attendibile possibile, si sono presi in considerazione i giocatori con un minutaggio minimo in campionato di 500’. Dopo 19 giornate in testa c’è il bomber del Genoa e vice-capocannoniere Krzysztof Piatek, con una media voto di 6,55. Non a caso il polacco è anche l’uomo più appetito nella sessione invernale di mercato che si chiuderà il 31 gennaio. Lo tallona a 6,47 un altro attaccante, Federico Chiesa, autore ieri della doppietta che ha eliminato il Toro e regalato alla Fiorentina i quarti di Coppa Italia. Al terzo gradino del podio, con 6,37 di media voto, un altro giovane italiano e compagno di Chiesa nella Nazionale di Mancini, quel Nicolò Zaniolo che sta facendo sognare la Roma e i romanisti. Completano la top ten dei più in forma under 23 della Serie A lo spagnolo Fabian Ruiz del Napoli (6,31), il difensore goleador dell’Atalanta Gianluca Mancini (6,28) – è il più prolifico nel suo ruolo assieme al giallorosso Aleksandar Kolarov (4 reti) –, un terzetto appaiato a 6,23 formato da Gianluigi Donnarumma (Milan), Christian Kouame (Genoa) e Milan Skriniar (Inter); Lorenzo Pellegrini della Roma è in ottava posizione con 6,22, chiude a 6,17 Stefano Sensi del Sassuolo, quest’ultimo ancora prima scelta del Milan come rinforzo a centrocampo.

il solco della tradizione Da notare la presenza di quattro portieri nella top 20, di cui tre italiani, a testimonianza della nostra grandissima scuola in questo ruolo. Oltre al già citato Donnarumma, c’è l’estremo difensore della Sampdoria Emil Audero (6,15 di media voto Gazzetta) e quello dell’Udinese Simone Scuffet (6,05), che è però tentato di andare a fare un’esperienza all’estero (rigorosamente in prestito) già in questa finestra di mercato, non contento forse dell’alternanza con Musso: per lui si è mosso forte il Kasimpasa, club della serie A turca secondo in campionato e in piena lotta la qualificazione alla prossima Champions.

VIDEO CORRELATI

 Giulio Saetta@giuliosaetta 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it