Il Napoli ha battuto il Sassuolo e troverà il Milan nei quarti di finale di Coppa Italia, eppure la squadra azzurra ha faticato molto per aver la meglio sugli emiliani che, onestamente, avrebbero meritato almeno un altro passivo. Il due a zero è severo ma certifica la superiore qualità della squadra di Ancelotti, che trova nei singoli le giocate chiave per indirizzare una partita che tatticamente De Zerbi gli ha incartato a lungo.

‘); }

Fabian Ruiz realizza così la rete del 2-0. Ansa

Fabian Ruiz realizza così la rete del 2-0. Ansa

lampo e var — L’ex tecnico del Benevento ha infatti scelto di affrontare il Napoli a viso aperto nonostante ci fossero in campo, nelle file degli avversari, contemporaneamente Insigne (particolarmente ispirato nel ruolo di ala sinistra), Ounas e Milik. Carletto ha lasciato in panchina Allan, sul quale impazzano le voci di mercato, e dato fiducia a Diawara in regia al fianco di Fabian Ruiz. Pressione alta degli ospiti in avvio e occasioni da ambo le parti: Ospina ha bloccato un tiro di Berardi, Pegolo ha murato Callejon. Evidente, però, l’errore del portiere ospite al 15′ quando ha respinto un cross di Insigne sul corpo di Milik, regalando in pratica il vantaggio al Napoli. Bella comunque l’azione degli azzurri sulla corsia mancina, iniziata da un frizzante Ounas. Il Sassuolo, però, ha reagito guadagnando campo e trovando spazio per due conclusioni di Locatelli, la prima respinta alla grande da Ospina e la seconda vincente. Peccato per l’ex milanista che a inizio azione abbia commesso un fallo di mani ravvisato dal Var che ha vanificato il tutto, nonostante le proteste neroverdi.


VIDEO CORRELATI

raddoppio — Peccato anche per il Sassuolo, che ha continuato a giocare bene anche a inizio ripresa, mettendo davvero in difficoltà il Napoli sul piano tattico (tanto che Maksimovic, in una delle svariate ripartenze ospiti, probabilmente avrebbe meritato la seconda ammonizione). Qualche spazio si è aperto per Milik e anche per gli inserimenti del solito straordinario Koulibaly, ma le occasioni da rete per entrambe le squadre sono state comunque poche (buona parata di Ospina su mancino da fuori di Sensi al 27′). Poi il Napoli, al 29′, ha raddoppiato con Fabian Ruiz, sempre di mancino, su assist di Milik ed errore di Magnani. Un gol liberatorio per Ancelotti che ha tremato quando Locatelli nel finale da due passi non è riuscito a spingere in porta un cross di Lirola, lasciando che Ospina bloccasse il pallone e le speranze del Sassuolo.

 Gianluca Monti 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it