(ANSA) – ROMA, 12 GEN – Domani il colonnello Sergio De
Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò TotòßRiina, ricorderà la
cattura del boss di Cosa nostra avvenuta il 15 gennaio del 1993:
insieme a lui i carabinieri della Crimor, la sua vecchia squadra
di cacciatori di latitanti, e i cittadini che vogliono
partecipare. L’appuntamento è per le 12.30 alla casa famiglia
fondata da Ultimo, a Roma, nel quartiere Prenestino.ߔUn evento
semplice, alla periferia della Capitale, ai margini di quella
società e di quella umanità in cui quei carabinieri hanno
vissuto e combattuto per amore del popolo”, dice il colonnello,
ricordando “con nostalgia” quei momenti cruciali per la lotta
alla mafia. “E’ stato un momento importante – prosegue – perché
ha segnato la fine del mito di Riina edßè importante ricordarlo
per mantenere alta la guardia e il monitoraggio di sicurezza a
tutela di tutti i cittadini: perché la lotta non finisce mai e
perché Cosa nostra ha sempre al proprio interno la possibilità
di riproporsi e riprodursi”.
   

Fonte: ANSA.it