Federica Pellegrini ambasciatrice dell’International Swimming League. La campionessa azzurra ha illustrato il progetto che vanta già 30 tra i migliori nuotatori al mondo. La ISL è una competizione che coinvolgerà 12 squadre di nuoto, negli Stati Uniti e in Europa, a partire da agosto e culminerà con le finali a Las Vegas nel prossimo mese di dicembre. “Mi piacciono le novità e tutto quanto faccia del bene alla promozione del mio sport – ha dichiarato Pellegrini, Global Ambassador della manifestazione -. Gli sviluppi di questo progetto aumenteranno le emozioni che gli atleti di tutto il mondo regalano in vasca, al pubblico, quando c’è l’opportunità di sfidarsi ai più alti livelli”. All’incontro ha partecipato Konstantin Grigorishin, finanziatore e capo del Consiglio consultivo della ISL. “Gli atleti sono la parte principale dello show e vogliamo che si sentano come se fossimo i loro partner – ha detto Grigorishin – con una mission: aiutare i nuotatori a creare un’associazione professionale propria e sviluppare con loro un innovativo modello di gare a squadre”.

‘); }

PROGETTO — E la prima stagione di ISL parte con budget importante: tra i 15 e i 20 milioni di dollari, dei quali un minimo di 5,3 milioni sarà riservato ai premi per gli atleti che gareggiano per una squadra della League. “Non c’è alcun motivo per il quale il progetto ISL debba essere percepito antagonista al calendario di gare ufficiali, al contrario l’ulteriore crescita delle ‘star’ del nuoto attrarrà ancora più pubblico, media e sponsor”, ha concluso Federica Pellegrini.


 Gasport 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it