Il team della Forti Sani

Il team della Forti Sani

‘); }

Ancora ferma la serie A maschile del volo, tocca alla femminile rimettere in moto la giostra del massimo campionato celebrando la nona giornata con tre sfide domenicali. Il calendario ha diabolicamente estratto due remake dell’ultimo turno del 2018, vale a dire Auxilium-Bassa Valle e Saranese-Pramaggiore, oltre a un match dal sapore cuneese fra Centallese e Forti Sani.

Le atlete del Pramaggiore

Le atlete del Pramaggiore

PARAGONI – La formazione di Centallo diretta dal tecnico Germana Oberto, guarda in classifica la capolista fossanese da due gradini più in basso, ma il divario non consente ancora paragoni utili visto che le padrone di casa hanno sin qui disputato cinque incontri rispetto ai sette delle ospitate. Sarà pertanto un match godibilissimo, sia sotto il profilo tecnico che del … campanile. Ai raggi ics delle prestazioni espresse, la Centallese vanta un rendimento superiore in almeno quattro delle sei prove. Nel tiro di precisione, Raviola, Bodrone e Rebora sono riuscite a trarre il cinquanta per cento, mentre le probabili future avversarie Oddone e Cuccaro si sono fermato al trentacinque.


Il team della Saranese

Il team della Saranese

PROGRESSIVO Pure la prova del combinato depone a favore delle centallesi : un successo per Rebora e tre su quattro per Bodrone, contro i sette punti su quattordici raccolti dalla specialista Mandola. Pur vantando la migliore solista del campionato (Valentina Avveduto con 7 successi su 7), la Forti Sani con le sue cinque soliste schierate sino ad ora non supera in rendimento totale le sei proposte dalla Centallese. Infine il tiro progressivo premia Giorgia Rebora, a punteggio pieno, con una media superiore a quella di Barbara Gerbaudo, andata a segno quattro volte su sette. Per contro il team di Fossano dispone di coppie migliori, come Avveduto-Pautassi e Gerbaudo-Pautassi, ed una staffetta (Avveduto-Mandola) che ha raggiunto punteggi superiori a quelli espressi da Bodrone-Rebora.

Le atlete della Centallese

Le atlete della Centallese

COLPACCIO – Pramaggiore stavolta affronterà la Saranese fuori casa e cercherà il colpaccio. L’impresa è difficile alla luce dell’esito dell’ultima sfida e dei punti (4) che dividono le due formazioni orientali in classifica, ma le veneziane possono aggrapparsi ai punti in palio delle prove tradizionali per mettere a segno la rivincita. Le imbattute Egle Manfè e Chiara Botteon suoneranno la carica nelle prove a coppie, mentre Serena Parise e la stessa Botteon dovranno guardarsi dalla scatenata Valentina Basei (12 punti su 14). Il divario di valori spinge il piatto della bilancia verso le trevigiane quando si tratta di tiro di precisione (19 punti per Setti, Basei, Giozzet), di combinato (Basei regina indiscussa con 6 vittorie su 7), di staffetta e infine di tiro progressivo, dove Pramaggiore è ancora a caccia del primo punto dopo i tentativi di cinque atlete.

Il team dell'Auxilium

Il team dell’Auxilium

CENERENTOLE – L’Auxilium cercherà di sfruttare i terreni di casa per una rivincita nei confronti della Bassa Valle e soprattutto per trovare nel derby delle cenerentole un brodino rigenerante per i primi due punti in classifica e l’aggancio alle valligiane. Anche se la formazione saluzzese ha un incontro in meno rispetto alle valdostane, è questa l’occasione propizia per togliersi dalla scomoda solitaria posizione. Non sarà facile perchè la squadra del presidente Amilcare Giopp dispone di un baby-team meglio attrezzato, soprattutto per il tiro di precisione (2 soli i successi saluzzesi contro gli 8 ) e il gioco tradizionale. Nel combinato l’Auxilium ha trovato il primo successo proprio nell’ultimo incontro in Valle (Lucrezia Storello), e per contro le future avversarie sono ferme a un pareggio. Se nella staffetta il pronostico dice Bassa Valle, nel tiro progressivo è a favore della valbormidese dell’Auxilium, Luisa Bongiovanni.

IL PROGRAMMA – Domenica 13, ore 14.30 : Auxilium-Bassa Valle; Centallese-Forti Sani; Saranese-Pramaggiore. Riposano Buttrio e Borgonese.

 Mauro Traverso 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it