Samuel Eto’o, ex Inter e Barcellona. AFP

Samuel Eto’o, ex Inter e Barcellona. AFP

‘); }

Un giornalista di una radio camerunese, Michael Dopass, è finito in carcere per l’accusa di aver diffamato Samuel Eto’o, ex attaccante di Barcellona e Inter e gloria del calcio del Camerun. Dopass, che lavora per l’emittente Radio Soleil FM, aveva fatto allusioni a presunta relazione omosessuale del giocatore: il giornalista, in seguito alla denuncia presentata da uno dei legali di Eto’o, è stato arrestato mercoledì ed è comparso davanti al tribunale di Yaoundé, che ne ha disposto la custodia cautelare nel carcere di massima sicurezza di Kondengui. La Corte ha rilevato un possibile rischio di fuga.

il fatto — Nel suo programma “Sports et investigations” andato in onda il 17 settembre, il giornalista avrebbe accennato a una possibile relazione omosessuale intrattenuta da Eto’o quando era capitano dei Leoni indomiti, come è chiamata la nazionale del Paese africano. Per questo, il 4 ottobre, il cronista era stato anche convocato dal Consiglio nazionale delle Comunicazioni del Camerun (CNC). Il giornalista ha raggiunto in cella il collega Michel Biem Thong, che si trova da dieci giorni nel carcere di massima sicurezza di Kondengui, perché accusato di “apologia del terrorismo, false dichiarazioni, incitamento a compiere reati e insulti al capo dello Stato”. Il cronista è noto in Camerun per i suoi servizi dalle regioni anglofone del Paese africano. Secondo il World Press Freedom Index 2018 di Reporters sans Frontiers, il Camerun è al 129esimo posto su 180 Paesi del mondo per libertà di stampa. Almeno cinque giornalisti risultano attualmente detenuti in Camerun con varie accuse.


 Gasport 

© riproduzione riservata

Fonte: Gazzetta.it