(ANSA) – NAPOLI, 29 NOV – Figura anche l’ex generale dei
carabinieri Maurizio Scoppa, ex commissario straordinario pro
tempore dell’Asl Napoli 1 Centro, nella lista dei 33 soggetti
indagati dalla Procura di Napoli nell’ambito dell’inchiesta
sulle presunte irregolarità nell’assegnazione degli appalti
nella sanità napoletana. Scoppa, secondo gli inquirenti, tra la
fine del 2011 e gli inizi del 2012, in concorso con altri
indagati avrebbe ingiustamente differito la data di scadenza e
poi fatto illegalmente subentrare, senza indire una gara di
appalto, la ditta Vicamed riconducibile ai fratelli Vincenzo e
Rosario dell’Accio, alla ditta Euromed, di Claudia Dell’Accio,
sorella di Vincenzo e Rosario, nella fornitura di materiale
urologico per gli ospedali dell’Asl Napoli 1 Centro.
    Procedimento possibile, secondo le normative, soltanto in
presenza di determinati requisiti che però non sarebbero stati
riscontrati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico
Finanziaria della Guardia di Finanza partenopea, nel corso delle
indagini.